IMG_7395Melodrammi per i chili di troppo che si accumulano su addome e fianchi? Se per molte donne questi sono crucci, per Simonetta Rocco un punto di forza. A 54 anni, dopo trentacinque di onorata carriera nel mondo della moda ha trovato il giusto mordente per farsi apprezzare con una taglia 46. Formosa, dai lunghi capelli boccolosi e lo sguardo magnetico, oltre a essere modella, è anche fashion consultant, arruolata dall’Università Popolare di Vercelli, per fornire consigli di autostima e di look.
Ma non paragonatela ad una Chiara Ferragni del vercellese: ritagliarsi questa autorevolezza l’è costato fatica, in un mondo spietato come quello che fa da sfondo alle passerelle. Mamma e moglie, da sei anni presta con orgoglio il suo corpo “curvy” alla rete televisiva QVC, dove -con il sorriso sempre esibito-indossa abiti da sera, pellicce ecologiche, i famosi pantaloni elasticizzati di Nina Leonard, rivolgendosi a tutte quelle donne, non proprio giovanissime, che cercano vestibilità ed eleganza, senza l’ossessione di un corpo perfetto.

IMG_7394«Il target individuato da questo canale di shopping on-line è la casalinga consapevole delle sue imperfezioni, non eccessivamente tecnologica, che passa molto tempo in casa,  per cui la televendita rappresenta un metodo di acquisto accessibile, sia per i prezzi contenuti, che per i 30 giorni di prova gratuita dei capi».

«A fronte di tanta popolarità, ho deciso di premiare le mie amiche con la pubblicazione di contenuti video, sulla mia pagina Facebook, attraverso i quali offro la mia consulenza in fatto di stile. Sono infatti tantissime le richieste mi vengono recapitate ogni giorno, ad esempio vanno alla grande i consigli per Capodanno». La sua giornata tipo non è per nulla facile: i ritmi sono frenetici;17 ore di diretta, un’ora di lancio da mezzanotte all’una per il “today special value” ovvero il capo che sarà in vendita a prezzo speciale tutto l’indomani, e poi rientro in hotel per sveglia all’alba e nuove dirette che si estendono dalle 8.30 del mattino fino a sera. Simonetta con sé porta sempre due valigie: «In una c’è il cambio e gli oggetti personali, nell’altra gli abiti da lavoro».  Ad accomunare i bagagli, una buona dose di autostima con cui ha saputo infrangere il tabù delle perfezione, per farsi strada anche con una taglia 46.

IMG_7391