Collage di emozioni dalla Fattoria

I commenti sono ancora prematuri ma le “4” dimensioni che l’Università Popolare di Vercelli ha individuato per rappresentarsi alla “Fattoria in città” premiano ogni aspettativa. Riparati dagli ombrelli quando la pioggia inclemente bagnava tutto e tutti, ristorati da qualche raggio di caldo sole che baciava volti e stand, in questi quasi 3 giorni di Fattoria il pubblico non è mai mancato. E soprattutto sono tanti i curiosi di ogni età che han fatto capolino allo Stand “bianco/blu” dell’Università Popolare. Attirati dallo chef vigile Agostino Gabotti, che in pochi semplici passi insegnava a realizzare delle tagliatelle edulcorando ogni passaggio con la sua simpatia contagiosa, richiamati da Pier Luigi Pensotti che da abile oratore si proponeva per una mini storia dell’arte vercellese invitando i passanti a un gioco singolare, Unipop ha fatto goal anche questa volta. Entusiasta la Presidente, Paola Bernascone Cappi, che commenta: «Potevamo fare come tanti altri, ovvero presentarci con qualche volantino che raccontasse la nostra storia passata e presente, invece abbiamo voluto metterci la faccia portando tra la gente solo alcuni esempi della miriade di proposte culturali con cui imbastiamo da decenni ogni anno accademico. Il risultato ha soddisfatto me e i miei ragazzi!. E oggi (sabato 4 giugno) siamo solo a metà dell’opera: alle 16 ci attende una nuova sessione culinaria con Sir Gabotti ma anche l’esibizione di Emisferi Musicali al Sant’Andrea alle ore 17. Vi aspettiamo numerosi!»