da Keith Jarrett, Live In Tokyo 96, ECM, 1998

Il brano fa parte di un concerto giapponese in cui il grande pianista di Allentown si esibisce con i fidi Gary Peacock al contrabbasso e Jack DeJohnette alla batteria in quello che viene chiamato anche Standards Trio, essendo proprio un gruppo che suona unicamente il grande repertorio jazzistico che si consolida dagli anni Trenta fino a oggi. Pescando soprattutto dai grandi songwriters, Jarrett e compagni improvvisano assieme evidenziando il gioco (o tecnica) dell’interplay messo a punto dal trio del grande Bill Evans quarant’anni prima, ma virtuosisticamente “superato” da un robusto swing e da un’intesa pressoché perfetta.