Con Unipop si chiude un anno spumeggiante

Una festa speciale in cui si fa un bilancio dell’attività passata e si traccia un percorso futuro da seguire. L’Università Popolare di Vercelli, domenica, ha dato appuntamento ad autorità, docenti e studenti al Castello degli Avogadro per chiudere in bellezza l’anno accademico 2015/16. Tanti i nomi altisonanti cui è stata riservata la prima fila: il Presidente della Provincia Carlo Riva Vercellotti, il sindaco di Vercelli Maura Forte, l’assessore al Turismo Graziella Ranghino, il Dirigente Scolastico Antonio Catania e perfino il prefetto dott.ssa Maria Rosa Trio.

E’ spettato proprio a questi ultimi tributare la loro stima nei confronti di un ente “giovane” che dal 1982 è diventato punto di riferimento per la formazione continua. Catania ha sottolineato la flessibilità degli insegnamenti che “si adeguano al mutamento di mode e tempi”. Dopo i saluti introduttivi della Padrona di Casa, il confermato Vicesindaco Alessandra Ticozzi, la Presidente si è soffermata sulle sfide prossime tra cui “l’analfabetismo di ritorno che sforna persone manipolabili e fragili”. E’ spettato alla Presidente portare all’attenzione del pubblico i numeri di cui si fregia l’anno concluso: 150 corsi, 60 iscritti alle Scuole di Fotografia e Fumetto, 47 frequentanti i corsi attivati nella Terra del Vino, 232 persone accompagnate in gita a Expo, Cenacolo di Leonardo Da Vinci, Bergamo e Cremona. “L’Università Popolare è un grande laboratorio in cui si apprende e si crea. In quest’anno appena concluso la pluralità delle proposte conferma la nostra concezione di una Conoscenza a 360°”. A dare maggior risalto alle parole della Professoressa, sono state le immagini montate da Piero Castello che hanno condensato i momenti più emozionanti e di richiamo.

Unipop ormai è social, per questo una piccola parte è stata riservata alla pagina Facebook in cui le rubriche tematiche attirano quotidianamente migliaia di like. E visto che da sempre la prima filosofia perseguita in via Attone Vescovo 4 è stato il mecenatismo di Talenti, non poteva non toccare a Paola tenere a battesimo il debutto artistico della pittrice cipriota Marina Yiannou Erotokritou che, con il direttore della Scuola di Fotografia Marco Barnabino, ha inaugurato la mostra “Trapped in Time” visitabile fino a domenica 19. Anche la solidarietà ha avuto il suo spazio: Marina ha fatto dono di una sua tela all’ANGSA, l’Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici.